Le facili emozioni

di GIORGIO BIANCHI

Photo credit Giorgio Bianchi

Non utilizzo quasi mai immagini di bambini nei miei progetti fotografici, a meno che non sia narrativamente importante. Al contrario la propaganda di regime, per suscitare facili emozioni nelle anime belle sempre pronte all’indignazione da salotto, sta dando fondo a tutto l’arsenale a sua disposizione non risparmiando più neanche i minori.


Questa bambina viveva a Zaitsevo con la mamma e i fratellini in condizioni disperate. Visitai la sua casa nel 2016. La zona era sottoposta a continui bombardamenti da parte delle truppe Ucraine. All’epoca nessuno si indignava, nessuno abbandonava la propria postazione all’ONU, nessuno offriva le seconde e le terze case.


Siete delle tragiche marionette che si muovono a comando: un giorno vi indignate per i migranti, un altro per i profughi ucraini, nell’intervallo vi chiudete dentro casa e sterilizzate la spesa. Basta premere un tasto del telecomando e cambiate psicosi.


Il vuoto pneumatico della vostra insipienza, come il Nulla de La storia infinita, sta risucchiando gli ultimi barlumi della nostra civiltà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...