Una rosa è una rosa, una rosa, una rosa? Il cuore del ddl Zan

di MARINA TERRAGNI*

Il sondaggio (realizzato in crowfunding da associazioni femministe tra cui Se Non Ora Quando, RadFem Italia, Libreria delle Donne, Udi e altre) non misura il generico consenso al ddl Zan ma punta l’obiettivo sul vero core del ddl: l’identità di genere, la libera percezione di sé a prescindere dal sesso di nascita –anzi, come si dice oggi: attribuito alla nascita-, totalmente dematerializzato.

La battaglia sull’identità di genere ha corso in mezzo mondo: Spagna, Germania, per arrivare al Perù. In Gran Bretagna si è chiusa con la sconfitta dei sostenitori del genere percepito.

Le ingiustizie subite da Malika o dai due ragazzi che si baciano in metro’: si pensa a questo quando si ragiona sul ddl, non all’identità di genere.

Il sondaggio mette invece a fuoco tre aspetti della questione, a cominciare dal self-id o libera autocertificazione di genere con un semplice atto all’anagrafe, senza perizie o sentenze: netta la maggioranza dei contrari, 66%, con lieve prevalenza degli uomini, dei più giovani e dei più scolarizzati. A favore solo il 20%; il 14% non si pronuncia. Con notevole impatto sociale, il self-id è già legge in Canada, a Malta e in altri Paesi.

Bloccanti della pubertà per i minori in attesa che decidano il proprio genere: anche qui nettissima prevalenza dei contrari (66%), scendono al 13% i favorevoli, 21% gli incerti.

Il blocco ormonale della pubertà –pochi lo sanno- è autorizzato in Italia con semplice perizia medica. In Gran Bretagna invece serve l’ok di un tribunale: la svolta dopo l’aumento esponenziale, + 4000% in pochi anni, di transizioni tra bambine (soprattutto) e bambini, e dopo la causa vinta dalla giovanissima detransitioner Keira Bell contro il Servizio Sanitario Nazionale.

Intervistato pochi giorni fa dal Guardian lo psichiatra David Bell, già in servizio presso il servizio di Sviluppo dell’Identità di Genere (GIDS) alla Tavistock Clinic di Londra, ha affermato che i bambini, spesso avviati frettolosamente alla terapia, in molti casi “sono gay… alcuni sono depressi” o soffrono di “anoressia, autismo o hanno alle spalle una storia di traumi”.

Infine, la partecipazione delle atlete trans agli sport femminili: caso noto in Italia, la velocista paraolimpica Valentina Petrillo. Anche qui una maggioranza di contrari: 56% (69% fra gli uomini, normalmente più attenti allo sport), 30% i favorevoli, 14% i non so.

Negli Usa è una questione politica di primissimo piano. Nelle prime 24 ore del suo mandato Joe Biden ha emesso un executive order che ammetteva le atlete trans negli sport femminili: la battaglia negli Stati infuria, la rete globale Save Women’s Sport combatte, molte atlete T si preparano alle Olimpiadi. Proprio in queste ore è al centro di un furioso shitstorm l’icona trans Caitlyn Jenner, già campione olimpico di Decathlon, patrigno di Kim Kardashian e in lizza per il governo della California. E solo per avere detto, da atleta, che le pare sleale che le trans gareggino con le donne.

L’identità di genere è questo, e sta al centro del ddl Zan. Quanti lo sanno?

Approvato frettolosamente alla Camera in novembre, quando si riempivano le terapie intensive, il ddl si prepara per il rush finale al Senato.”Quel testo non si modifica!“: Monica Cirinnà chiude un dibattito mai aperto.

Temi sensibili come divorzio, aborto e fecondazione assistita hanno impegnato la società italiana a discutere per anni. L’identità di genere è tema ancora più sensibile, ha a che fare con la sessuazione umana e con la materialità dei corpi ridotta all’insignificanza: una vera rivoluzione antropologica.

Nel 1984 Ivan Illich, padre dell’ecologismo europeo, profetizzava l’annullamento della differenza sessuale, “cambiamento della condizione umana che non ha precedenti”. Il mercato richiederà il neutrum oeconomicum, soggetto fluido, flessibile, fungibile. Una “scomparsa del genere che degrada le donne più ancora degli uomini”, il linguaggio sarà “contemporaneamente neutro e sessista”.

Con buona pace della senatrice Cirinnà, qui c’è davvero molto da discutere.

*Per concessione di Marina Terragni, La Stampa del 5/5/2020

______________________________________________________________________________________________________

Marina Terragni, giornalista e scrittrice. Autrice di Vergine e piena di grazia, La scomparsa delle donne, Un gioco da ragazze e Temporary Mother – Utero in affitto e mercato dei figli.

Memoria Negata. Crescere in un Centro di Raccolta Profughi per Esuli Giuliano-Dalmati

di REDAZIONE

Un momento drammatico della Storia italiana.

Frammenti di identità, di cultura e di umanità negata, non solo nel suo essere stata ma addirittura nel diritto legittimo di rientrare nella Storia tramandata. Sono le vicende dei profughi Giuliano-Dalmati.

Il Centro Studi Femininum Ingenium affronta la vicenda dalla prospettiva femminile ed è lieto d’invitare i lettori a partecipare all’evento dedicato alle celebrazioni del Giorno del Ricordo 2021.

L’Esodo e le Donne ripercorrerà le vicende attraverso l’interessante e toccante conversazione con l’autrice Marisa Brugna che presentarà il suo libro Memoria Negata. Crescere in un Centro di Raccolta Profughi per Esuli Giuliano-Dalmati, edito da Condaghes nel 2015.

L’incontro è aperto a tutti e si svolgerà online, mercoledì 17 Febbraio alle ore 18.00 su piattaforma Zoom.

PER PARTECIPARE

L’evento si svolgerà via Zoom e la partecipazione è libera. Pagina web http://www.feminunumingenium.it.

Per iscriversi scrivere a eventi.CSFI@gmail.com entro le 18.00 del giorno prima.

Natale al femminile. Terzo webinar gratuito del Centro Studi Femininum Ingenium

di FEMININUM INGENIUM

A chiusura del Ciclo di Conferenze online dedicate al tema Il Natale e le Donne. Uno sguardo femminile sul miracolo della Natività, il Centro Studi Femininum Ingenium, a pochi giorni dalla celebrazione del Natale, presenta un interessante e stimolante incontro con Eugenia Massari, sul tema La Poetica del Pulviscolo. Spirituale nella poesia femminile: Emily Dickinson e Isabella Morra.

Eugenia Massari, comunicazione culturale e content design, mente brillante e vivace, sensibile e profondamente attenta, ci parlerà di queste due donne da lei molto amate da una prospettiva creativa e sentimentale. Entrambe vissero una vita da recluse. Emily per scelta, Isabella perché segregata dai suoi fratelli a Valsinni, nella rocca di famiglia. In queste donne lo slancio creativo si muove dal mondo all’interno. Collassa dentro. In entrambe la letteratura si fa proiezione, amore, simbolo.

Per questo il titolo fa riferimento a La Poetica del Pulviscolo: l’ispirazione poetica, non provenendo dall’esplorazione del mondo e del proprio sé come attore nel mondo, sprofonda nell’interno, si fa misterica, diventa una vera e propria poetica del pulviscolo. Dove è l’infinitesimamente piccolo ad assurgere a esperienza, a vita. Il pulviscolo diventa essenza che contiene. Più che microcosmo, dove rimarrebbe presente il concetto di esterno, è reale macrocosmo individuato e riconosciuto dal rispecchiamento dell’anima nel dettaglio.

Queste sono alcune delle interessanti riflessioni sulla Poetica del Pulviscolo, ovvero sullo spirituale nella poesia femminile, con le quali la Massari ci condurrà attraverso un confronto quasi dialogico tra queste due poetesse tanto distanti per epoche e cultura, ma tanto vicine per ricerca spirituale.

INFO E ISCRIZIONI

23 dicembre 2020, ore 18.00

Come per gli altri incontri, il webinar sarà trasmesso su piattaforma Zoom. Per iscriversi inviare una e-mail a eventi.CSFI@gmail.com entro le ore 17.00 del giorno della conferenza online. L’incontro sarà trasmesso anche in diretta FB attraverso la pagina del Centro Studi Femininum Ingenium.

È possibile seguire le attività del Centro Studi Femininum Ingenium mettendo un like alla pagina Fb, seguendo gli account Twitter ed Instagram @femininumingenium, e leggendo gli aggiornamenti pubblicati sulla pagina ufficiale. L’intero webinar sarà pubblicato in modo integrale sul canale YT e sul podcast del CSFI, che vi invitiamo a seguire e sottoscrivere.

Natale al femminile. Secondo webinar gratuito del Centro Studi Femininum Ingenium

di FEMININUM INGENIUM

Dopo il successo del primo incontro con Ilaria Pagani, Storica dell’arte e Vice Direttore di Studi sull’Oriente Cristiano, il Centro Studi Femininum Ingenium presenta il secondo appuntamento del Ciclo di Conferenze online dedicate al tema “Il Natale e le Donne. Uno sguardo femminile sul miracolo della Natività”.

Natale al femminile. Webinar gratuito del Centro Studi Femininum Ingenium

Il 16 dicembre alle ore 18.00, infatti, si potrà ascoltare l’interessante relazione di Raffaella Leproni, Professore Aggregato di Lingua e Traduzione Inglese del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre, che ripercorrerà alcune caratteristiche della vita e della scrittura di Louisa May Alcott, la nota autrice di Piccole Donne, attraverso la lettura di una selezione di racconti natalizi, che mostrano chiaramente le tematiche e le attitudini a lei care.

In particolare saranno esaminati alcuni passi del bellissimo libro A Marry Christmas and other Christmas Stories, che raccoglie i preziosi racconti natalizi della Alcott.

Queste storie risultano molto piacevoli ma anche molto attuali, poiché – pur attingendo all’esperienza personale della sua famiglia e alle esperienze nei movimenti abolizionisti e per il suffragio femminile, grazie alle quali la trama rivela dettagli autentici del Natale dell’America del diciannovesimo secolo-, la loro enfasi sulla generosità e la carità li rendono incarnazioni senza tempo dello spirito del Natale e del messaggio di speranza portato dal Salvatore.

In un’ambientazione marcatamente coeva, intrisa di sentimenti e rappresentata con delicata maestria, Alcott tratteggia scene di vita globali, attualissime, portatrici di valori di respiro universale e pragmatico, e di un calore umano che dovrebbe appartenerci non solo durante le festività.

INFO E ISCRIZIONI

I webinar saranno trasmessi su piattaforma Zoom. Per iscriversi inviare una e-mail a eventi.CSFI@gmail.com entro le ore 18.00 del giorno precedente la conferenza online.

È possibile seguire le attività del Centro Studi Femininum Ingenium mettendo un like alla pagina Fb, seguendo gli account Twitter ed Instagram @femininumingenium, e leggendo gli aggiornamenti pubblicati sulla pagina ufficiale. L’intero webinar sarà pubblicato in modo integrale sul canale YT e sul podcast del CSFI, che vi invitiamo a seguire e sottoscrivere.

BIBLIOGRAFIA

Racconti di Natale, Louisa May Alcott

Piccole Donne, Louisa May Alcott

42 giorni e 28 anni

di MARGHERITA MENELAO

Lo chiamano miracolo scientifico.

Da giorni i quotidiani e le riviste definiscono così la nascita, in Tennessee, USA, di una bambina da un embrione (come fosse qualcosa di diverso da lei) congelato 28 anni fa.

Molly Everette Gibson, così si chiama la bimba, secondo quanto riportato dal New York Post, è nata il 26 ottobre, mentre l’embrione (ovvero sempre lei nella fase prenatale) era stato congelato nell’ottobre del 1992. Se non fosse stata congelata nella fase embrionale, ma avesse potuto usufruire di utero e gravidanza della madre biologica, oggi avrebbe circa un anno e mezzo in meno della donna che l’ha partorita, invece, poco più di un mese fa. Donna che, peraltro, nel 2017 fece nascere la sorella gemella di Molly, da embrione congelato a suo tempo da 25 anni. Viene definita, per questo, la donna dei record. Molly, di conseguenza, ha una gemella, stessa età biologica e stessi genitori biologici, di tre anni più grande.

La notizia viene considerata, si è scritto, un miracolo scientifico. Termine che risalta agli occhi del lettore tanto più che a rendere possibile tutto ciò è un’associazione cristiana, il National Embryo Donation Centre (NEDC) di Knoxville, no profit che raccoglie gli embrioni donati da genitori biologici che si sono sottoposti a fertilizzazione in vitro che però decidono di non utilizzarli e che il centro regala a coppie con problemi di infertilità.

Il genetista Jerome Lejeune[1] definiva questi centri come veri e propri “campi di congelamento”, in cui i piccoli uomini vengono posti in un tempo sospeso a -196°, temperatura dell’azoto liquido corrispondente allo zero assoluto.

Il freddo a bassissime temperature rallenta la vita delle molecole e quando ci si avvicina allo zero assoluto, tutto il movimento si ferma. E si ferma anche il tempo, che per l’embrione non scorre più e che lo costringe in un tempo sospeso.

Così migliaia di embrioni, migliaia di esseri umani, possono essere ammassati in un piccolo recipiente che li mantiene nel freddo intenso.

Definire questo stato, questa condizione è difficile.

Come è difficile immaginare un essere umano a cui sia impedito il suo sviluppo, il suo crescere, il suo muoversi (gli embrioni in utero si muovono).

Lejeune, con un intuitivo parallelo con i campi di concentramento nazisti, li definiva, appunto, campi di congelamento. Sono quei contenitori in cui si inseriscono gli embrioni cosiddetti ‘in sovrannumero’ (come se vi potessero essere uomini in sovrannumero), contenitori molto piccoli, gelidi e molto frequentemente mortali. Lejeune affermava che l’errore scientifico più disumano che possa commettere la nostra generazione è quello di perdere la nozione elementare secondo la quale ogni uomo è degno di rispetto, non perché potente, ma perché uomo. Quanto accaduto nei campi di concentramento si basava su una sola precisa inequivocabile idea: “un prigioniero non è un uomo”[2].

Questo ha permesso ogni atrocità.

Se affermiamo che un embrione non è un uomo, questo aprirà la strada ai più grandi crimini contro l’umanità.

Infatti, per dirla con Robert Spaemann, “tutti gli uomini sono persone[3] e risulta pericoloso affidare a mani umane il potere di decidere sull’essere persona di qualcuno e quindi sul suo diritto o meno alla dignità e alla vita. La persona e l’uomo sono definiti e caratterizzati da una parte dalla ragione, che è una specificità dell’essere persona, e dall’altra dalla dimensione interiore, spirituale e morale del soggetto. L’essere persona costituisce per Spaemann la natura stessa dell’uomo, il suo essere in quanto appartenente alla specie umana e da essa discendente e non può essere negato a nessuno, neppure nei casi in cui quegli elementi che caratterizzano l’uomo non compaiano, non compaiano ancora, o non si sviluppino sufficientemente o non siano ancora sufficientemente sviluppati.

L’appartenenza alla specie homo sapiens dev’essere il termine definitivo e l’unico criterio non arbitrario per il riconoscimento della persona. Questo per evitare che si possano usare le persone, che si possa considerarle “materiale” o sfruttarle come si sfrutta il bestiame.

Parafrasando la Genesi, si può dire che la scienza è un po’ come l’albero della conoscenza, cioè l’albero del bene e del male. Il compito degli scienziati, che è anche la loro responsabilità etica e bioetica, è capire in che modo questa conoscenza possa essere usata per il bene dell’uomo e non per il male dell’umanità.

Infine, tra le migliaia di opzioni e alternative possibili, ciascuno di noi avrebbe potuto non essere qui, ora, in questo preciso momento. Invece siamo qui, presenti e vivi, una scelta tra le migliaia possibili, e questo sguardo sul reale è, come scriveva Lejeune, una “continua ed inesauribile fonte di sorpresa e domanda”[4].

LETTURE

[1] Scritti Vari, Jerome Lejeune

[2] Se questo è un uomo, Primo Levi Torino, 1947.

[3] Persone. Sulla differenza tra “qualcosa” e “qualcuno”, Robert Spaemann, a cura di L. Allodi, Laterza, Bari 2005.

[4] Il messaggio della vita, Jerome Lejeune, Cantagalli, Siena 2002

______________________________________________________________________________________________________

Margherita Menelao, dopo una formazione accademica di alto livello, lavora nella PA. Svolge attività di ricerca indipendente, si dedica alla divulgazione storica e all’organizzazione di eventi culturali.

Mutilazioni genitali femminili. Un webinar gratuito di Femininum Ingenium per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

di FEMININUM INGENIUM

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne si celebra il 25 novembre di ogni anno a partire dal 1999, anno in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre, l’ha istituita.

Il Centro Studi Femininum Ingenium, per l’occasione, presenta un Webinar sullo spinoso argomento delle Mutilazioni Genitali Femminili, pratica considerata terribilmente violenta sotto tutti i punti di vista: fisico, psichico, morale e spirituale.

Per tali ragioni e per la complessità del fenomeno e per la necessità imprescindibile di una sua precisa ed attenta analisi, le prospettive d’indagine proposte in questa sede sono di tipo medico, bioetico e biogiuridico.

Il Webinar è gratuito e si svolgerà su online e tramite diretta FB della pagina del CSFI, il 25 novembre 2020 dalle ore 18.00 alle ore 19.30 circa.

Interverranno:

Aurora Almadori, Medico Chirurgo specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica. Attualmente è dottoranda (PhD) presso la University College of London in Regno Unito e la sua attività di ricerca si concentra sull’uso di terapie a base di cellule staminali adulte per trattare la fibrosi e le cicatrici. Ha completato due Master universitari, uno in Chirurgia Rigenerativa (cellule staminali) e uno in Medicina dell’Immigrazione. Ha inoltre effettuato dei periodi di formazione chirurgica in Italia, Brasile, USA e UK sviluppando un expertise ultra-specialistico nella chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica dei genitali femminili. All’attività chirurgica e di ricerca affianca attività filantropiche assistendo pro bono donne con Mutilazioni Genitali Femminili (MGF), offrendo interventi chirurgici mini-invasivi con tecniche innovative quali l’impiego di cellule staminali ed altre tecniche di chirurgia plastica. Dal 2018 è la referente della Sezione Mutilazioni genitali femminili (MGF), all’interno del Capitolo di Chirurgia Genitale Femminile e Maschile della SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva- rigenerativa ed Estetica). Per la sua attività ha ricevuto vari riconoscimenti nazionali ed internazionali tra cui la premiazione nella sesta edizione del «Premio Italia Giovane» anno 2019. Attualmente lavora tra Roma, Londra e Lussemburgo.

Giorgia Brambilla, Docente ordinario presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) e incaricato presso la Pontificia Università Lateranense, già Professore invitato all’Università Sapienza e Cultore della materia all’Università di Roma Tor Vergata. Ha conseguito il Dottorato in Bioetica, la Licenza in Teologia con specializzazione in Morale sessuale e famigliare, la Laurea in Scienze Religiose e la Laurea in Ostetricia. All’APRA svolge corsi di Teologia morale e di Bioetica da più di dieci anni, è Coordinatrice del corso di Laurea Magistrale in Scienze Religiose (biennio pedagogico-didattico), è Consigliere dell’Istituto Scienza e Fede ed è Reviewer della rivista StudiaBioethica. Collabora nell’ambito della formazione con varie associazioni cattoliche e prolife, svolgendo conferenze in tutta Italia. È da tre anni coordinatrice del corso annuale Riscoprire la Bioetica dell’associazione Famiglia Domani. Scrive articoli di carattere bioetico per blog e riviste e cura le rubriche Diario di Bioetica (radioromalibera.org), Preferisco il Paradiso: rubrica di Teologia morale (radiobuonconsiglio.it) e L’olio di nardo. Bioetica, famiglia e società (puntofamiglia.net).

Luisa Lodevole, iscritta all’Ordine degli Avvocati di Roma dal 2005. Dal 2011 al 2013 è stata Visiting PhD presso l’Università di Vienna, Institut für Rechtphilosophie, Religions-und Rechtgeschichte. È dottore di ricerca in Storia e Teoria del Diritto Europeo, presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Ha scritto la monografia Embrioni abbandonati, per i tipi Aracne nel 2016. Ha svolto docenza nel Master di II livello in Bioetica clinica (2007, 2008), presso l’Università Sapienza di Roma, e nel Master in Consulenza familiare, Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia.

Info. e iscrizioni

È possibile iscriversi gratuitamente al webinar inviando una e-mail a eventi.CSFI@gmail.com per ricevere il link di collegamento. Tutte le info si trovano sulla pagina FB del CSFI e su http://www.femininumingenium.it.

Croci e lumini. Assurdo Capitale

Di MARGHERITA MENELAO

Nei giorni scorsi abbiamo assistito ad alcuni avvenimenti sconcertanti. La Capitale, infatti, è stata protagonista di episodi di violenza inauditi.

A Roma, di notte, si può assistere alle nemmeno tanto timide passeggiate di cinghiali, volpi, faine…


Come ormai è noto a tutti, le strade delle città, comprese quelle della nostra bella Roma, sono tornate ad essere invase da animali selvatici, attratti dall’immondizia non raccolta o gettata impropriamente. E così, soprattutto la notte, si può assistere alle nemmeno tanto timide passeggiate di cinghiali, volpi, faine. A volte si possono intravedere anche ricci e lepri. Se questi ultimi sono certamente per nulla pericolosi direttamente per l’uomo, di certo i primi possono diventarlo.


Gli uomini, in questi ultimi anni, vivono in preda ad un delirio di auto-condanna per la loro stessa esistenza.

Sembrano aver dimenticato, infatti, che l’opera di civilizzazione e urbanizzazione ha eliminato il sorgere e il diffondersi di molte malattie pestilenziali, che l’arginare certi tipi di animali oltre il confine della città ha consentito di avere una minore diffusione di malattie e di incidenti a volte invalidanti.

…Quasi contemporaneamente alla triste vicenda dei cinghiali e della loro mamma barbaramente uccisi in piena città, si svolgeva una polemica terribile e terrificante sul Cimitero degli Angeli, il luogo di sepoltura dei bambini non nati

Ricordo che alcune anziane signore di paesi rurali, del sud e del nord Italia in questo non vi era distinzione, raccontavano di quanti bambini fossero deformi e mutilati perché cresciuti dai contadini insieme ai maiali o ai cinghialetti, che avevano la decisamente poco carina abitudine di mangiucchiare i piedini e le manine degli infanti.


L’uomo contemporaneo, attratto com’è dalla vita di campagna – e giustamente! considerando quanto sia dannoso l’inquinamento e quanto spesso sia oppressiva la città -, non ricorda che la sua attività sulla natura è quella di darle un ordine.


Questa incapacità dell’essere umano contemporaneo, ovvero questa incapacità di ‘ordinare’, corrisponde ad una sua specifica carenza interiore, psichica e spirituale.

L’uomo contemporaneo ha perso il suo riferimento, ha tradito il suo proprio ordine interiore, il suo specifico ordine ontologico. In questo modo non riesce più a distinguere una gerarchia dei valori, a ragionare in termini di peso specifico delle cose e degli eventi. Non è più in grado di prendere le proprie misure intorno alla vita.


Quasi contemporaneamente alla triste vicenda dei cinghiali e della loro mamma, è vero barbaramente uccisi davanti ai bambini in piena città, si svolgeva sempre nella Capitale una polemica terribile e terrificante circa il cosiddetto Cimitero degli Angeli, ovvero il luogo di sepoltura dei bambini non nati.


Se possiamo certamente discutere delle modalità brutali con cui è stato risolto il problema cinghiali, in realtà non è stato risolto ‘il problema cinghiali’ ma quello specifico problema cinghiali, e sui modi certamente poco ortodossi di agire e di assumersi – o non assumersi – responsabilità di fronte alla comunità dei cittadini, che pure si erano attivati per una soluzione alternativa, non possiamo certamente tacere sulle modalità con cui la questione dei bimbi non nati sia stata affrontata dai media e dalla medesima comunità di cittadini (non intendo gli stessi identici cittadini, sia chiaro, ma in senso generale).


Su questo cimitero la polemica è nata perché una madre che ha abortito il proprio figlio – non interessano le motivazioni in questa sede -, dopo aver deciso di non occuparsi della sepoltura del suo bambino e aver demandato ogni pratica all’ospedale, ha scoperto dopo mesi che il suo bambino sarebbe stato sepolto, a cura di una associazione cattolica di volontari, e sulla croce sarebbe stato apposto il suo nome.

Lo scandalo e l’irritazione dei movimenti femministi

Da qui lo scandalo che ha fatto irritare i movimenti femministi e che ha condotto ad una serie di indagini per capire chi fosse il colpevole di cotanto ‘orrore’.


Si sono levate voci in difesa della libera scelta delle donne di abortire, che significa uccidere il proprio figlio; si sono gridate urla contro lo stigma sociale sulla donna che ha deciso di interrompere la gravidanza, contro il patriarcato e la Chiesa cattolica che si occupa abusivamente del ‘materiale fetale e del prodotto abortivo’ (già queste definizioni sono sufficienti di per sé a ridefinire l’uomo stesso).

È  stato urlato il diritto a gettare il proprio figlio nei sacchi dell’umido (entro le venti settimane i feti vengono considerati rifiuti speciali, dopo?), perché non è un essere umano (o forse perché lo è). A non dargli sepoltura e ad impedire che un atto di carità cristiana lo facesse in vece propria. È  stato chiesto di divellere le croci sopra le piccole tombe dei bimbi non nati, perché ci sono donne che abortiscono che non sono cristiane (vorrei vedere!), non sono cattoliche (mi pareva…) e non riconoscono la croce, anzi alcune la disprezzano.

Queste donne, che prima negano l’umanità del proprio figlio, dopo non gli riconoscono dignità di sepoltura, non accettano che qualcuno possa farlo al posto loro per amore, per quella Caritas divina che scintilla anche nell’essere umano e che ambisce a rimanere accesa e splendente. Perché in ogni concepito c’è non soltanto tutto il DNA dell’uomo ma anche ciò che farà e ciò che potrà essere.


Se possiamo discutere sull’opportunità di indicare il nome delle madri abortive, non possiamo certamente fare a meno di ragionare sull’opportunità di non gettare la vita umana via come fosse spazzatura.


E sull’opportunità – o sulla schizofrenia dilagante – di accendere tanti bei lumini per i cinghiali uccisi e di divellere le croci per gli uomini sepolti.


______________________________________________________________________________________________________

Margherita Menelao, dopo una formazione accademica di alto livello, lavora nella PA. Svolge attività di ricerca indipendente, si dedica alla divulgazione storica e all’organizzazione di eventi culturali.

Santi e millennials

di MARGHERITA MENELAO

Il 10 ottobre è stato solennemente beatificato Carlo Acutis, giovane adolescente nato al cielo nel 2006, dopo pochissimi giorni di combattimento contro una malattia fulminea, rapida e inesorabile: la leucemia fulminante.

Il 10 ottobre è stato solennemente beatificato Carlo Acutis, giovane adolescente


La sua vita è stata un vero bagliore, nell’era della velocità e della comunicazione istantanea e globale.
Sarà riconosciuto come il patrono di internet, poiché aveva grandi doti informatiche ed era molto avanti per la sua età nella conoscenza e nell’uso del web. Ne avrebbe voluto fare uno strumento di diffusione del messaggio cristiano.


Carlo Acutis era un fervente, desiderava accostarsi alla Prima Comunione a sette anni e gli fu concesso. Quasi sentisse dentro di sé che non avrebbe avuto il tempo sufficiente per mangiare quel pane fino a saziarsi. Per questo si recava in chiesa tutti giorni, prendeva la Comunione tutti i giorni e la definiva l’autostrada per il Cielo.


Sembra quasi che la sua idea costante fosse la comunicazione, con Dio, con il mondo, con il prossimo.

Nello stesso giorno in cui lui è stato beatificato, in diretta televisiva, il primo beato dei millennials, i millennials vengono nuovamente colpiti al cuore della loro purezza e della loro bellezza

Nello stesso giorno in cui lui è stato beatificato, in diretta televisiva, il primo beato dei millennials, i millennials vengono nuovamente colpiti al cuore della loro purezza e della loro bellezza.

Non sarà più necessaria la prescrizione medica per le minorenni, per la pillola dei cinque giorni dopo


Sembra quasi un contraccolpo, un altro, quello dato ai giovani con la diffusione della Determina dell’Agenzia italiana del farmaco n. 998 dell’8 ottobre 2020, in base alla quale non sarà infatti più necessario l’obbligo della prescrizione medica per dispensare alle minorenni l’ ulipristal acetato, il farmaco usato per la contraccezione di emergenza fino a cinque giorni dopo il rapporto sessuale.

La decisione, definita una svolta per la tutela della salute fisica e psicologica delle adolescenti, nasconde in realtà l’inganno: si maschera con il termine contraccezione qualcosa che in verità è un meccanismo intercettivo, antiannidatorio che rendendo inospitale l’utero, impedisce all’embrione nelle primissime fasi del suo sviluppo di annidarvisi e di crescere (A. Morresi).

In una forma di aborto molto precoce, le ragazzine vengono lasciate sole, senza nemmeno la cura genitoriale


In sostanza, si tratta di una forma di aborto molto precoce (M. Casini Bandini), in cui le ragazzine vengono lasciate sole, senza nemmeno la cura genitoriale, immerse nella cultura dello scarto e della propria ingannevole autogestione e autodeterminazione.


Si tratta di svilire ulteriormente il corpo femminile, quasi fosse un oggetto mercificato che si può utilizzare fino all’inverosimile: tanto c’è la pillola che risolve tutto.


E non si tratta solo dell’uso del corpo femminile, o del suo abuso.

Si tratta di una questione di umanità.

Il sesso consumato e non amato recide la relazione, annienta la costruzione di legami che possano contribuire ad affrontare la vita e le difficoltà a cui a volte essa ci pone di fronte.

Svilire ulteriormente il corpo femminile

Questa pillola si presenta come una bacchetta magica che puff libera la donna, la ragazzina, dal problema. Di nascosto, in segreto, potenzialmente ogni volta che si espone a un rischio simile.

Quanto vale il suo corpo?

Quanto vale il suo dolore?

Quanto vale la sua vita?

Il costo di una pillola antiannidatoria, che può provocare effetti indesiderati più o meno gravi e frequenti.


A nulla vale anche sottolineare che il Consiglio di Amministrazione di AIFA sia composto esclusivamente da uomini, poiché non necessariamente la presenza di una donna avrebbe potuto far riflettere su quanto questa decisione sia nichilista e decostruttiva per l’identità della donna.

I genitori e la famiglia vengono espunti, prima che dai diritti, dai doveri che competono loro

E non solo. Poiché l’autodeterminazione femminile, in questo caso, ha incidenza sulla determinazione dell’umanità, cadendo essa vittima di un paradossale surplus di diritti a titolarità esclusivamente femminile.


Ulteriori conseguenze di questa decisione per così dire liberale, o meglio radicale, inoltre, contribuisce a minare la famiglia, nucleo fondativo della società, che in pedagogia è definita l’unica titolare della socializzazione primaria e del fondamento umano su cui si innestano le successive esperienze e che non può essere estromessa dal proprio ruolo educativo e formativo essenziale.


Nella liceità dell’abbandono della minore di fronte a tale decisione, i genitori e la famiglia vengono espunti, prima che dai diritti, dai doveri che competono loro.

Il beato dei Millennials potrà proteggere i giovani e le giovani da un mondo che sembra voglia distruggerli?


______________________________________________________________________________________________________

Margherita Menelao, dopo una formazione accademica di alto livello, lavora nella PA. Svolge attività di ricerca indipendente, si dedica alla divulgazione storica e all’organizzazione di eventi culturali.