Stelle

di GIORGIO BIANCHI

Questa sera ad un certo punto mi sono ritrovato seduto all’interno in una casetta per i bimbi con mio figlio: dalla finestrella si scorgeva un cielo stellato maestoso, la limpidezza dei suoi occhi era esaltata da un taglio trasversale di luce, l’unico rumore attorno a noi era il canto di un milione di grilli. Era tutto meravigliosamente perfetto, sembrava la scena di un film.

Ciononostante mi sentivo irrequieto.
Anche un momento magico come quello era offuscato dalla patina di tristezza mista a sconforto che caratterizza gran parte delle mie giornate. Ad un certo punto, senza distogliere lo sguardo dal rettangolo di cielo incorniciato dalla finestrella, quasi rivolgendomi a me stesso, ho sussurrato: “io ti salverò”. Senza alzare lo sguardo dai fili d’erba che teneva tra le mani, con un filo di voce, mi ha risposto “piangi ?”


Un amico in difficoltà tempo fa mi disse che “i papà sono forti anche quando sono deboli”.
E’ veramente difficile mostrarsi solidi, quando si ha davanti agli occhi l’immagine di un’intera comunità che viene risucchiata nel Maelström del fanatismo e dell’odio.
L’indifferenza di fronte ad uno scempio di questa portata è un marchio che non potrete cancellare.
La vostra colpa non è emendabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...